Chi può accedere

La manifestazione è aperta al pubblico e agli operatori del settore.

Dove

Quartiere Fieristico di Bologna

Date

Da giovedì 8
a domenica 11
settembre 2022

Contatti

Show office
BolognaFiere S.p.A.
Via Alfieri Maserati, 16 - 40128
Bologna
Tel. 0039-051.282111
Fax. 0039- 051.6374031
sanatech@bolognafiere.it

INFORMAZIONI

Dove
Quartiere Fieristico
di Bologna

Giorni
Da giovedì 8
a domenica 11
settembre 2022


Contatti
Show office
BolognaFiere S.p.A.
Via Alfieri Maserati, 16 - 40128
Bologna
Tel. 0039-051.282111
Fax. 0039- 051.6374031
sanatech@bolognafiere.it

La nascita di Sanatech, l’evento fieristico, congressuale e formativo dedicato alle filiere della produzione biologica ed ecosostenibile nei settori della Produzione Agroalimentare, della Zootecnia, della Selvicoltura, del Benessere della persona e della Biocosmetica oltreché della tutela del territorio, rappresenta la risposta italiana di grande qualità al progetto Green Deal appena lanciato dall’Unione Europea.

 

Un evento in grado di dare le risposte attese da quanti, già oggi, sono protagonisti della produzione biologica e a coloro che si dedicheranno a questa straordinaria opportunità, nei prossimi anni.

Per assolvere questo importante compito, Sanatech deve poter contare su solide linee-guida tecniche e scientifiche, data l’ampiezza e la complessità delle filiere coinvolte, non solo sul piano produttivo e agronomico, ma anche negli anelli della prima e della seconda trasformazione e, più in generale, nella efficace tutela ambientale e dell’energia pulita.

 

Questo compito di primo piano è affidato all’Advisory Board Sanatech, che vede la presenza delle più rappresentative Società del Biologico riunite in FederBio, nonché di selezionate Società Scientifiche ed Associazioni anche dei settori della trasformazione e dell’innovazione.

Grazie alle tematiche rappresentate, ogni Società presente nel Board costituisce in tal senso un valido punto di riferimento per condividere lo sviluppo ed il successo di questa iniziativa internazionale: un organismo in grado di osservare i processi in atto, indicando le linee guida più confacenti ad anticipare le soluzioni produttive ed ambientali anche tramite azioni formative ed informative di grande valenza scientifica, comunicativa e produttiva.

 

 

Coordinamento:


dott. Paolo Carnemolla – Presidente Federbio Servizi
ing. Domenico Lunghi – Coordinatore eventi BU Private Label, Food & Pet Industry BolognaFiere Spa
dott. Claudio Vercellone – Progetto Sanatech - Ceo Avenue media

prof. Gianfranco Romanazzi
Presidente

AIPP

Associazione Italiana per la Protezione delle Piante

L’Associazione Italiana per la Protezione delle Piante (AIPP) è nata nel 1992 con lo scopo di promuovere la conoscenza e le innovazioni nell’uso dei metodi e dei mezzi per la protezione delle piante da avversità biotiche ed abiotiche. Gli oltre 450 Soci AIPP operano nelle Università e nei centri di ricerca, nei servizi fitosanitari, nei centri di saggio, nelle aziende che producono mezzi tecnici o forniscono servizi legati alla protezione delle piante, nella consulenza di campo, nella divulgazione e nell’informazione tecnica e scientifica. Tali Soci si occupano dei diversi aspetti legati alla protezione delle piante, dall’individuazione degli agenti causali alla definizione delle più appropriate strategie di protezione dalle avversità, con visione ampia e trasversale, fornendo ai diversi problemi un approccio di sistema. Oltre che sul sito www.aipp.it, informazioni sugli eventi organizzati e patrocinati da AIPP per Soci e simpatizzanti sono alla pagina Facebook, con i suoi 8 gruppi tematici, l’account Twitter, i profili LinkedIn ed Instagram, ed il canale YouTube. Nell’ultimo anno AIPP ha partecipato ad oltre 30 eventi (tavole rotonde, webinars, convegni) inerenti la protezione delle piante, ha bandito premi per video su “La protezione delle piante in un minuto” (disponibili sul canale YouTube) e premi di dottorato di ricerca sul tema. È attualmente aperto il bando “Annamaria Vercesi – 4° edizione” per tre premi laurea magistrale nel settore della protezione delle piante, scadenza il 15 settembre 2022, info al link Premio-Tesi-Laurea-magistrale-Annamaria-Vercesi-2022---IV- Edizione.pdf (aipp.it)

prof. Gianfranco Romanazzi
Presidente

dott. Marco Benedetti
Presidente

A.N.I.D.

Associazione Nazionale Imprese Disinfestazione

L’Associazione Nazionale delle Imprese di Disinfestazione (A.N.I.D.) è una Associazione di categoria costituita il 21 aprile 1997 con sede legale in Roma, mentre la Segreteria è situata in Forlì e che raggruppa e rappresenta 470 Imprese operanti nel settore della Igiene Ambientale, specificatamente nei Servizi di Disinfestazione, Derattizzazione, Disinfezione.
L’A.N.I.D. a livello Europeo aderisce alla CEPA (Confederation European Pest Association), che ha sede a Bruxelles ed è costituita da tutte le Associazioni Europee del Settore, comprese quelle, di recente costituzione, dei Paesi dell’Est Europeo.
L’A.N.I.D. ha ricoperto la Presidenza della CEPA dal settembre 2002 al 2004.


In Italia l’A.N.I.D. è rappresentativa delle Imprese della Disinfestazione sull’intero territorio Nazionale ed associa le Imprese di Servizi di Disinfestazione, Aziende produttrici e distributrici di prodotti del settore, in tutte le Regioni d’Italia e l’elenco degli Associati è pubblico, visibile sul nostro sito web (www.disinfestazione.org). Le Imprese aderenti all’A.N.I.D. rappresentano una quota consistente del personale impiegato nel settore, costituito da alcune migliaia di dipendenti. L’intero settore in Italia e in Europa è in piena evoluzione tecnologica ed occupazionale, e ciò è certamente dovuto all’introduzione di norme cogenti (es. regolamenti UE 852-853/2004 riguardanti l’igiene dei prodotti alimentari), Reg.CE 1272/2008 (Direttiva Biocidi), ma anche alle crescenti esigenze d’ordine sanitario come ad esempio arbovirosi umane ed ambientale. L’A.N.I.D. è firmataria del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro di Categoria del 2001 e del C.C.N.L. del 19.12.2007 aggiornato ed integrato al 31 maggio 2011 per gli addetti al settore dei multiservizi, delle pulizie e della disinfestazione. Le attività svolte investono problematiche riguardanti la Sanità, sia in ordine ai prodotti utilizzati, che risultano classificati in termini di tossicità, che alle metodologie impiegate; l’Industria, in quanto si tratta di attività di servizio con caratteristiche del tutto peculiari (basti pensare alla particolare formazione ed al necessario aggiornamento professionale che devono possedere gli addetti); il Welfare, dal momento che costituisce – come in tutti i paesi moderni a economia di mercato – una valida opportunità occupazionale; ed infine l’Ambiente, dato che i servizi devono comportare il minimo impatto ambientale possibile e non rappresentare un problema a livello ecologico. L’Associazione svolge di norma attività di interesse sindacale per gli associati, di intervento presso gli Enti pubblici di riferimento, di informazione agli associati su materia ed argomenti di vario genere, di divulgazione presso la stampa specializzata e quella generica sulle attività e sulle problematiche della disinfestazione, di rappresentanza delle Imprese di Categoria in varie sedi ufficiali, di formazione di base dei quadri A.N.I.D., di organizzazione di Convegni e meeting tecnici ed imprenditoriali, di rappresentanza e di intervento nelle competenti sedi europee ed internazionali.

 

www.disinfestazione.org

dott. Marco Benedetti
Presidente

dott. Roberto Zanoni
Presidente

ASSOBIO

Associazione Nazionale Imprese di Trasformazione e Distribuzione prodotti Biologici

AssoBio è l’associazione nazionale delle imprese di trasformazione e distribuzione dei prodotti biologici e naturali. AssoBio ricerca rapporti di collaborazione e il confronto con tutte le organizzazioni, enti e organismi che perseguano finalità convergenti con le proprie. L’associazione si impegna a progettare e condurre interventi di rappresentanza della comunità imprenditoriale del settore agroalimentare biologico nei diversi ambiti istituzionali, direttamente e anche attraverso la partecipazione attiva ad organismi interprofessionali e di consultazione. Lo scopo di Assobio è soddisfare la domanda espressa dai suoi componenti, assicurando interventi efficaci, appropriati, convenienti e orientati alla tutela e allo sviluppo.

 

www.assobio.it

dott. Roberto Zanoni
Presidente

dott. Luca Bianconi
Presidente
dott.ssa Elisabetta Bottazzoli
Direttore Generale

ASSOBIOPLASTICHE

Associazione Italiana delle bioplastiche e dei materiali biodegradabili e compostabili

Assobioplastiche, fondata nel 2011, si pone l’obiettivo di promuovere la diffusione dei prodotti biodegradabili e compostabili nel pieno rispetto dei principi dell’economia circolare. Con al centro dell’attenzione l’approvvigionamento sostenibile e la corretta gestione del fine vita, garantita dalla certificazione di compostabilità dei manufatti (norma UNI EN 13432:2002), l’Associazione rappresenta e tutela la filiera contro pratiche scorrette e concorrenza sleale.
Periodicamente presenta dati relativi l’andamento dei diversi comparti della filiera e pubblica l’Annuario, che racchiude le informazioni relative ai propri soci, i quali sono produttori di bioplastiche, trasformatori di bioplastiche in manufatti, commercianti e distributori di prodotti in bioplastiche, enti di ricerca, associazioni e gestori degli impianti di trattamento della frazione organica.

 

www.assobioplastiche.org

dott. Luca Bianconi
Presidente
dott.ssa Elisabetta Bottazzoli
Direttore Generale

dott. Carlo Bazzocchi
Presidente

 

ATBIO

Associazione nazionale dei tecnici e ispettori per le produzioni biologiche

ATBio ha lo scopo di rappresentare e tutelare l’interesse comune dei Tecnici Consulenti e dei Tecnici Ispettori operanti nel settore dell’agricoltura biologica e di favorire la crescita professionale dei soci valorizzandone, promuovendone e tutelandone l’attività lavorativa.
ATBio si propone, inoltre, di favorire la ricerca volta all’elevazione degli standard qualitativi nel settore della produzione agroalimentare biologica e di divulgarne i risultati. In particolare, l’Associazione ha l’obiettivo di collaborare con enti e organismi pubblici e privati per la risoluzione dei problemi riguardanti la normazione, la produzione, la consulenza e il controllo del sistema agroalimentare biologico.
Per il perseguimento dei suddetti scopi l’Associazione emana un Codice Deontologico per favorire comportamenti professionali virtuosi dei Tecnici Consulenti e dei Tecnici Ispettori ed elevare la standardizzazione qualitativa delle loro prestazioni professionali; organizza, promuove e patrocina congressi, convegni, seminari, corsi di formazione, visite aziendali e ogni altro strumento utile al raggiungimento degli scopi statutari.
Stabilisce e mantiene rapporti con le Istituzioni Pubbliche, gli enti pubblici e privati di carattere nazionale e territoriale, le Università e gli Enti di Ricerca, le altre Associazioni e ogni altro soggetto che per la propria attività possa risultare di interesse per l’Associazione. Organizza e partecipa a Comitati, Commissioni e Gruppi di lavoro, anche promuovendo e stimolando l’emanazione, l’integrazione e/o la modifica di normative di interesse per il settore.
 

 

dott. Carlo Bazzocchi
Presidente

 

Gianpiero Calzolari
Presidente

 

BOLOGNAFIERE SPA

Il Gruppo BolognaFiere è tra i principali player nel settore fieristico, con più di 80 manifestazioni in Italia e nel mondo, primo Gruppo in Italia per quota di fatturato realizzato all’estero in mercati chiave come Asia, Russia e Nord America. Con un’importante presenza nell’Est asiatico, BolognaFiere è stato il primo player fieristico ad aprire una sede propria in Cina – dove opera attraverso la Società BF China – per realizzare eventi di livello mondiale ad Hong Kong e Shanghai. Il Gruppo organizza, inoltre, importanti manifestazioni negli Stati Uniti, in Russia e in India, e ha una presenza di rilievo in Europa dove nel 2018 ha acquisito Health and Beauty, network specializzato nel settore beauty professionale e nell’editoria di riviste trade in Francia, Germania, Svizzera e nell’Est europeo. In Italia, il Gruppo dispone dei Quartieri fieristici di Bologna, uno dei poli espositivi tra i più avanzati al mondo, Modena e Ferrara ed è partner industriale della Nuova Fiera del Levante di Bari.

www.bolognafiere.it
 

Gianpiero Calzolari
Presidente

 

dott. Massimo Centemero
Direttore Generale

CIC

Consorzio Italiano Compostatori

Il Consorzio Italiano Compostatori è un’organizzazione senza fini di lucro che si occupa di promuovere e valorizzare le attività di riciclo della frazione organica dei rifiuti e dei sottoprodotti e ha come finalità la produzione di compost e biometano.
Il Consorzio, che conta più di 130 consorziati, riunisce e rappresenta soggetti pubblici e privati produttori o gestori di impianti di compostaggio e di digestione anaerobica, associazioni di categoria, studi tecnici, laboratori, enti di ricerca, produttori di macchine e attrezzature e altre aziende interessate alle attività di produzione di fertilizzanti organici.
Il CIC è impegnato in numerose iniziative volte a prevenire la produzione di rifiuti organici e a diffondere una raccolta differenziata di qualità che permetta l’effettivo recupero degli scarti organici negli impianti di trattamento biologico.
A tal fine, oltre a monitorare costantemente la qualità della frazione organica in ingresso agli impianti di compostaggio – o agli impianti integrati di digestione anaerobica e compostaggio – ha ideato programmi di qualità e sviluppato partnership con numerose associazioni nazionali ed internazionali.
Oggi, oltre alle attività legate alla qualità di matrici e prodotti, il CIC persegue il raggiungimento degli obiettivi fissati dall’Unione Europea nell’ambito del pacchetto dell’Economia Circolare recentemente approvato.
 

www.compost.it

dott. Massimo Centemero
Direttore Generale

prof. Giuseppe Corti
Direttore centro agricoltura e ambiente

CREA

Il Crea è il principale Ente di ricerca italiano dedicato alle filiere agroalimentari con personalità giuridica di diritto pubblico, vigilato dal Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali  (Mipaaf). Le competenze scientifiche del Crea spaziano dal settore agricolo, zootecnico, ittico, forestale, agroindustriale, nutrizionale, fino all’ambito socioeconomico. Ha piena autonomia scientifica, statutaria, organizzativa, amministrativa e finanziaria.

Il Crea affronta con un approccio multidisciplinare le grandi sfide del ventunesimo secolo legate alla sostenibilità delle produzioni agroalimentari nello spirito dei principi dell’economia circolare, della bioeconomia e del trasferimento dell’innovazione.

Mette in campo competenze che spaziano dalla genetica alla fisiologia, alla meccanica e robotica, allo studio dei mezzi tecnici innovativi per la gestione sostenibile delle produzioni, alla gestione della fertilità e della funzionalità dei suoli, alla selvicoltura, all’ecologia degli ambienti naturali e coltivati, agli allevamenti, ai processi dell’industria agroalimentare, alle proprietà nutrizionali degli alimenti e al loro consumo ottimale per mantenere una buona salute e ridurre gli sprechi, con un occhio sempre attento alla tutela del consumatore.

Il personale è composto da oltre 2000 unità, di cui circa la metà tra ricercatori e tecnologi.

Il Crea dispone di numerose aziende e campi sperimentali che consentono di effettuare le ricerche in condizioni corrispondenti a quelle in cui operano gli agricoltori, permettendo di verificare i risultati e facilitarne la loro applicabilità sul campo e la loro diffusione agli operatori del settore.

Nel 2015 ha effettuato una riorganizzazione funzionale del precedente Ente (Consiglio per la ricerca in agricoltura – CRA), dando vita a 12 Centri di ricerca, 6 di filiera e 6 trasversali, presenti in maniera capillare sul territorio nazionale, eliminando le sovrapposizioni e permettendo una razionalizzazione delle risorse economiche e di personale.

prof. Giuseppe Corti
Direttore centro agricoltura e ambiente

prof. Arnaldo Dossena
V.Presidente

Clust-ER AgriFood

Il Clust-ER Agroalimentare è una associazione senza scopo di lucro, cofinanziata dalla Regione Emilia-Romagna con fondi FESR, con l’obiettivo di promuovere soluzioni innovative nelle filiere agroalimentari regionali. I soci sono circa 80 e comprendono laboratori di ricerca, centri per l’innovazione, imprese in forma singola e associata, enti di formazione.
Il Clust-ER Agroalimentare funge da presidio sinergico e strategico, per favorire l’interazione tra ricerca, imprese e formazione e per contribuire alla definizione degli orientamenti strategici di medio-lungo periodo nelle filiere agroalimentari.


Le priorità tematiche (Value Chain), trasversali alle varie filiere produttive, sono 4:

  1. SOSFARM (Agricoltura Sostenibile di Precisione); integrazione di elementi di sostenibilità economica ed ambientale con protocolli atti a sfruttare la variabilità spazio-temporale dei processi produttivi nelle filiere agroalimentari;
  2. INQUAN (Integrità e Qualità Nutrizionale); relazione tra alimenti, alimentazione e salute umana; valutazione e miglioramento di sicurezza e qualità degli alimenti e loro tracciabilità, autenticità e sostenibilità;
  3. PRIMPACK (Processi, Impianti e Packaging); tecnologie e biotecnologie dei processi produttivi, innovazione e sostenibilità di processi, impianti per l’industria alimentare, sistemi e impianti per il confezionamento, sistemi informativi e logistica.
  4. SPES (Valorizzazione Sottoprodotti e Scarti); valorizzazione di biomasse provenienti dal settore agroalimentare, dalle risorse forestali e marine e da colture energetiche, al fine di ottenere componenti ad alto valore aggiunto per l’agricoltura, l’industria alimentare, mangimistica, chimica, farmaceutica e del personal care, in un’ottica di sviluppo del concetto di bioraffineria.

 

www.agrifood.clust-er.it

prof. Arnaldo Dossena
V.Presidente

dott. Paolo Carnemolla

Presidente

FederBio Servizi

FederBio Servizi è la società di consulenza e servizi nata per volontà di FederBio e AssoBio nel 2017 e specializzata nel rispondere alle esigenze degli operatori del settore biologico. L’obiettivo di FederBio Servizi è contribuire alla crescita culturale, sociale, tecnica ed economica di tutte le componenti della filiera biologica attraverso competenze specifiche e complete: dalla gestione d’impresa all’assistenza finanziaria e legale, dal management alla promozione, dalla formazione allo start up, fino a programmi di ricerca-sviluppo e strumenti per la commercializzazione innovativa e internazionale.

 

www.federbioservizi.it

dott. Paolo Carnemolla

Presidente

prof. Paolo De Castro
Presidente Comitato Scientifico

NOMISMA

Nomisma è una società che realizza ricerche di mercato e consulenze, rivolgendosi ad imprese, associazioni e istituzioni pubbliche.
Attiva da più di 35 anni, Nomisma ispira il suo operato al significato del nome greco: “il valore reale delle cose”.
Nomisma è diventata punto di riferimento in settori chiave dell’economia attraverso l’implementazione di Osservatori che fotografano dimensioni e trend dei principali segmenti di mercato.
Competenza, esperienza e autorevolezza sono i valori condivisi dal team di Nomisma: oltre 50 professionisti impegnati a dare risposte innovative che operano quotidianamente anche grazie al supporto oltre 70 azionisti che oggi investono nella società.
Competenze, metodo, innovazione, capacità di interpretazione dei fenomeni: sono i valori che Nomisma offre al cliente con l’obiettivo di dare supporto concreto ai processi conoscitivi e decisionali.


I punti di forza di Nomisma, Società autorevole di ricerche di mercato e consulenze
Competenze di settore e approccio multidisciplinare sono i valori alla base delle soluzioni offerte.
Nomisma coniuga dati proprietari con altre fonti e metodi con l’obiettivo di supportare i clienti a prendere decisioni strategiche sulla base della lettura dei fenomeni.
Tracciare scenari evolutivi, valutare le potenzialità, individuare ruolo e posizionamento più efficace in un contesto di mercato significa mettere a fuoco “il valore reale delle cose” e permettere così di costruire un futuro solido e di successo. La costante collaborazione con il mondo accademico fa sì inoltre che i progetti di consulenza proposti coniughino la profondità e autorevolezza dell’approccio scientifico con l’approccio business-oriented.
Rivolgersi a Nomisma significa scegliere un brand autorevole, una società affidabile, un team di consulenti che conosce i customer trend nel contesto degli scenari competitivi, una rete di esperti con competenze multidisciplinari.
È oggi uno dei protagonisti del mercato degli studi economici e della consulenza sui temi dell’economia reale. Inoltre è stata capace, nel corso degli anni, di diventare un vero e proprio punto di riferimento in alcuni settori chiave attraverso l’implementazione di Osservatori tematici che fotografano con costanza i trend e le opportunità di alcuni segmenti di mercato.

 

www.nomisma.it

prof. Paolo De Castro
Presidente Comitato Scientifico

prof. Giovanni Gigliotti
V.Presidente

S.I.C.A.

SOCIETA’ ITALIANA DI CHIMICA AGRARIA

La Società Italiana di Chimica Agraria (SICA) è stata fondata nel 1981 con lo scopo di costituire un riferimento per quei ricercatori e studiosi che in varie istituzioni con finalità di ricerca e sperimentazione, quali università, enti, consorzi, realtà industriali operavano nel vasto contesto delle discipline chimiche e biochimiche applicate alla agricoltura. La SICA ha come scopo quello di diffondere le conoscenze e promuovere gli studi e le ricerche nel campo delle discipline chimiche applicate all'agricoltura avendo come oggetto di interesse tutti gli aspetti chimici della produttività agraria e dei fattori ambientali che la controllano. L’attuale campo d’interesse scientifico della Società riguarda principalmente gli aspetti chimici, biochimici, fisiologici ed ecologici del sistema suolo-acqua-pianta-atmosfera e le interazioni che in esso si sviluppano, i processi di accumulo, mobilizzazione e assorbimento di specie chimiche, endogene ed esogene, utili o dannose, in condizioni ottimali e di stress. Di rilevante importanza risulta l'approccio biotecnologico volto a individuare mezzi tecnici innovativi per la regolazione dei processi atti a migliorare la resa e la qualità della produzione, preservare, migliorare e ripristinare la fertilità, la qualità e la salute del suolo.

prof. Giovanni Gigliotti
V.Presidente

prof. Giulio Malorgio
Presidente

SIDEA

SOCIETA’ ITALIANA DI ECONOMIA AGRARIA

La Società Italiana di Economia Agraria (SIDEA), costituita il 31 ottobre del 1961, ente senza fini di lucro, si propone di promuovere il progresso e la diffusione delle conoscenze scientifiche nell’ambito delle discipline economiche applicate all’analisi del settore primario e del sistema agro-industriale e delle politiche economiche collegate, nonché delle interrelazioni con il mercato e il consumo di prodotti agricoli e agroalimentari, con il resto dell’economia, con il territorio e con l’ambiente. La SIDEA collabora e intrattiene rapporti di collaborazione con enti e istituzioni pubblici e/o privati italiani e/o stranieri, condividendo in particolare i metodi di ricerca e lo studio dei risultati ottenuti nel campo dell’economia agraria, alimentare e delle risorse naturali e di materie ad essa connesse. Inoltre, favorisce la diffusione in campo nazionale e internazionale dei risultati delle ricerche degli associati, pubblicando riviste scientifiche, in collaborazione con associazioni di economisti agrari di altri Paesi o collaborando a riviste di altre associazioni internazionali.

prof. Giulio Malorgio
Presidente

prof. Alberto Alma
Coordinatore Sezione di Entomologia Agraria

S.E.I.

SOCIETA’ ENTOMOLOGICA ITALIANA

I ricercatori afferenti alla sezione di Entomologia Agraria della SEI, anche attraverso le collaborazioni e gli scambi tra entomologi universitari e cultori autonomi o afferenti ad altre istituzioni operanti in campi affini promuovono ricerche nel campo dell’Entomologia generale e applicata e diffondono le conoscenze relative agli insetti utili e dannosi, particolarmente in ambito agrario.
Le tematiche affrontate, oltre alla sistematica, morfologia, biologia ed etologia degli artropodi indigeni ed esotici (fenomeno in continua crescita), riguardano la gestione sostenibile degli artropodi fitofagi mediante la lotta biologica e il controllo integrato che si avvale anche delle più moderne biotecnologie applicate agli artropodi, con particolare attenzione alla protezione e al potenziamento delle specie utili.

 

www.societaentomologicaitaliana.it

prof. Alberto Alma
Coordinatore Sezione di Entomologia Agraria

prof. Massimo Tagliavini
Presidente

 

prof. Davide Neri
Coordinatore Sezione Colture Biologiche e Agro-Ecologia

S.O.I.

SOCIETA’ DI ORTOFLOROFRUTTICOLTURA

Sin dalla sua fondazione nel 1953, la Società di Ortoflorofrutticoltura Italiana (SOI) si adopera per sviluppare la cooperazione scientifica e tecnica tra il mondo della ricerca, gli imprenditori ed i professionisti del settore orto-floro-frutticolo, interessando con le sue azioni ed attività un ampio settore dell'agricoltura che include le colture arboree da frutto e da legno, le piante ortive, le colture floricole, le piante ornamentali, il vivaismo, i tappeti erbosi e la gestione del paesaggio e la tutela degli spazi a verde, con il fine ultimo di favorirne il progresso e la diffusione. La SOI è organizzata in due sezioni (Orto-Florovivaismo e Frutticoltura) e in numerosi gruppi di lavoro (GdL). Il GdL “Agricoltura biologica e agro-ecologia” nasce, recentemente, con la missione di stabilire interazioni forti e durature con le altre Società scientifiche che, da punti di vista differenti, si occupano di agricoltura biologica e agroecologia. L’obiettivo è lo sviluppo di modelli agroalimentari sostenibili capaci di innovare la produzione ortofrutticola biologica e di contribuire alla risoluzione delle grandi sfide attuali: la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici; la migliore distribuzione del reddito lungo le reti di produzioni del valore; il riconoscimento e la valorizzazione dell’importanza dei tessuti sociali rurali e delle produzioni di qualità dei territori.

 

www.soihs.it

prof. Massimo Tagliavini
Presidente

 

prof. Davide Neri
Coordinatore Sezione Colture Biologiche e Agro-Ecologia

Eleonora Bonifacio
Presidente

SIPe

SOCIETA’ ITALIANA DI PEDOLOGIA

La Società Italiana di Pedologia è una Società Scientifica no-profit fondata a Palermo nel 1997. Lo scopo della SIPe è quello di promuovere, sostenere e coordinare studi e ricerche nel campo della Pedologia e delle sue innumerevoli applicazioni, che spaziano da tematiche agricole, ambientali, di salvaguardia del suolo come bene comune, della tutela degli ambienti naturali, della pedo-archeologia, del recupero di suoli degradati, dello studio delle componenti mineralogiche, fisiche e chimiche e biologiche del suolo. La molteplicità degli interventi in cui sono coinvolti i pedologi italiani fanno di questa comunità una delle più attive del mondo nella produzione di cartografia tematica e nella classificazione dei suoli, interagendo con i comitati tecnici dei principali sistemi di classificazione del suolo: USDA e FAO. Tra i compiti della SIPe, quello di favorire i rapporti e la collaborazione fra i cultori della materia, siano essi docenti di ogni ordine e grado, professionisti, amatori. Per raggiungere questo scopo, la SIPe promuove tutte le iniziative che abbiano come oggetto di studio il suolo, mantiene gli opportuni collegamenti con le Società Scientifiche che abbiano il suolo tra i loro campi di applicazione e studio, si relaziona con le istituzioni pubbliche e private.

 

L’obiettivo della SIPe può essere riassunto con le seguenti frasi, che trovano ispirazione nella consapevolezza dell’importanza della risorsa suolo:

 

  1. - assicurare suolo per produrre e mantenere gli equilibri ecosistemici del Pianeta alle generazioni future;
  2. - preservare la biodiversità del suolo (pedo-diversità) e dei suoi usi, gli unici in grado di diversificare le produzioni e permettere la produzione di cibo salubre;
  3. - consentire la crescita della società in armonia con il sistema Terra.

Eleonora Bonifacio
Presidente

dott. Roberto Ranieri
Presidente

AZIENDA AGRARIA SPERIMENTALE STUARD

L’Azienda Agraria Sperimentale Stuard nasce a Parma nel 1983 con la mission di diffondere l’innovazione nelle aziende agricole, nel settore agro-industriale e presso i cittadini, con grande attenzione e rispetto per le radici del proprio territorio. Nel 1999 diventa azienda biologica e la sperimentazione, la produzione in questo settore e la conservazione delle biodiversità diventano i principali motori della sua attività. Oggi Azienda Stuard è una non-profit che ospita presso il proprio Emporio i prodotti dei piccoli produttori della montagna, oltre che i propri da agricoltura biologica. Collabora a progetti di innovazione regionali del PSR, a quelli europei in collaborazione con le Università dell’Emilia Romagna, con gli istituti del CNR e del CREA e con aziende private. Negli anni Azienda Stuard è diventata anche un punto di riferimento per alcune significative iniziative di agricoltura sociale.

dott. Roberto Ranieri
Presidente